Iscrizioni da Martedì 26 Settembre 2023

Durante l’ultima glaciazione la Valle Antigorio era occupata dall’esteso ghiacciaio del Toce. In questo tratto di valle, l’imponente azione di modellamento e di erosione operata dai ghiacciai e dai torrenti ha creato un paesaggio naturale molto raro nelle Alpi. L’acqua, scendendo in profondità attraverso i crepacci, alimentava i torrenti che scorrevano al contatto tra roccia e ghiaccio. Muovendosi vorticosamente in spazi ristretti e sinuosi, l’acqua in pressione raggiungeva elevate velocità attivando la capacità erosiva del detrito (sabbia e ciottoli) trasportato. La forza dell’acqua ha operato come le mani di uno scultore creando una serie di grandi cavità separate da stretti e tortuosi cunicoli le cui pareti sono ricoperte di scanalature, volute e nicchie. Con il ritiro dei ghiacciai il torrente che ha modellato gli orridi di Uriezzo ha cambiato percorso, e quindi è possibile percorrerli agevolmente.

PER CONSULTARE LA LOCANDINA CLICCA QUI

 

PER CONSULTARE LA MAPPA CLICCA QUI